Sista Bramini nel Viaggio di Psiche al Teatro Basilica di Roma dal 30 gennaio

Sista Bramini –sarà la protagonista - al Teatro Basilica dal 30 gennaio al 2 febbraio e dal 6 al 9 febbraio - dello spettacolo Viaggio di Psiche da Amore e Psiche di Apuleio, con le musiche originale di Giovanna Natalini

Il mito di Amore e Psiche, tratto da “Amore e Psiche” di Apuleio, rivive a teatro grazie alla voce e all’immaginazione di Sista Bramini che ne incarna il percorso trasportando lo spettatore in un’atmosfera di sogno. La più famosa delle fiabe, tratte da Le Metamorfosi, narra le peregrinazioni dell’Anima per riuscire a congiungersi con l’Amore. Ancora oggi questa storia, in cui i significati nascosti e palesi si aprono a mille interpretazioni (mistiche, psicoanalitiche, letterarie, esoteriche), affascina il pubblico.

Psiche per la sua bellezza è adorata da tutti, ma nessuno entra in una vera relazione d’amore con lei che si sente fredda, triste e sola. La sua immagine idolatrata, sfruttata in vario modo, finisce per sostituire il culto di Afrodite finchè la dea decide di punire la stoltezza umana facendo innamorare la ragazza di un mostro… ha inizio così la tribolata iniziazione di Psiche all’Amore. La ragazza, punita per la sua curiosità e per imparare ad amare, deve spezzare la sua gabbia dorata e sottoporsi a prove che non è in grado di affrontare. Per arrivare all’Amore bisogna passare necessariamente attraverso la paura, la perdita, il coraggio e quindi il cambiamento. E’ l’evoluzione naturale dell’Anima per arrivare a liberarsi delle sovrastrutture dell’Ego e concedersi finalmente all’Amore, senza più remore.

Qui la massima errare humanum est, prende un significato nuovo. Solo il coraggio di errare, nel doppio senso di vagare e sbagliare, renderà Psiche compiutamente umana, libera di amare e felice, cioè, secondo il linguaggio mitico, divina. E se gli dei non sono modelli di condotta, possiedono una virtù per noi oggi necessaria: non sono mai tristemente separati dalla natura ma fusi con essa, accolgono gloriosamente la moltitudine dei viventi.

La musica originale di Giovanna Natalini non illustra mai, ma evoca la segreta affinità tra luoghi naturali e paesaggi del sentimento, e si proietta prima e oltre la distinzione tra tessitura elettronica (immaginale e onirica) e suono naturalistico. In una misterica corrente musicale, si crea, guizza, si posa, snodandosi davanti al pubblico, una narrazione teatrale radicata in un corpo quasi danzante. La musica è parte della narrazione, il controcanto oltre le parole, ispirato alla tradizione liederistica romantica e all’improvvisazione libera.

Teatro Basilica
Piazza Porta S. Giovanni, 10 Roma (RM)
Contatti / Prenotazioni: +39 392 97.68.519info@teatrobasilica.com

Dal 30 gennaio al 2 febbraio e dal 6 al 9 febbraio

Biglietti 15 euro
Orario spettacoli dal martedì al sabato ore 21.00
Domenica ore 18.00

Autore dell'articolo: Elena Dal Forno

Elena è giornalista dal 1994. Si occupa di vita in generale, cinema, arte, tennis, cucina vegana. Quando non è al cinema è in viaggio. Spesso la cosa coincide.