Teatri di Vetro, la XVI edizione a Roma

Il 13 dicembre, sempre al Teatro India, appuntamento con Nel labirinto delle traduzioni, un dialogo tra Mara Cerri, Chiara Lagani e Nadia Terranova a partire dal fumetto L’Amica geniale (Coconino Press, 2022),

Al via la XVI edizione di Teatri di Vetro, il festival proposto dall’associazione culturale Il Triangolo Scaleno e con la direzione artistica di Roberta Nicolai che indaga i processi di creazione delle arti sceniche contemporanee. Titolo scelto quest’anno è Oscillazioni.

Dall’11 al 18 dicembre al Teatro India e al Teatro del Lido di Ostia un ricco programma di performance, elaborati scenici, opere, dispositivi, co-creazioni di 20 compagnie di artisti.

Tra le proposte, ad aprire i battenti del festival domenica 11 alle ore 17 al Teatro del Lido ( con repliche poi all’India), c’è “ Never Young_ Appunti”, uno studio- performance della compagnia Biancofango che è la seconda parte di un dittico dedicato al tema ‘Lolita’, su soggetti non più bambini e non ancora adulti, con l’installazione “Never Young_ Game Over” che sarà una piazza virtuale, una chat. Fanny & Alexander ha in serbo “L’Amica Geniale a fumetti”, versione dalvivo del fumetto di Mara Cerri e Chiara Lagani, con incontro includente Nadia Terranova. “Matrice — Da Ana Mendieta” è il primo quadro di una trilogia di Alessandra Cristiani, alla ricerca di una anatomia originaria e salvifica, con la ritualità di un viaggio. “ Miss Lala al circo Fernando_in a room” di Chiara Frigo è una performance per Marigia Maggipinto, storica interprete del Tanztheater di Wuppertal, alla ricerca del diverso, del fenomeno, tra racconti e danza. “Fabrica / Corpi del lavoro”, nuovo progetto di Paola Bianchi, si articola in due spettacoli, “ Fabrica 57770”, scavo negli archivi della casa di scarpe Bata e nella memoria di ex lavoratori e lavoratrici, per ricavare coreografie di sforzi, e “ Fabrica 36100” per recuperare gesti che sono nelle pieghe e nei tendini di un passato industriale del vicentino.
Carlo Massari presenta “ Larva, blatta e sapiens”, tre figure e tre cornici. Il Teatrino Giullare propone “Diario dei Giorni Felici”, omaggio beckettiano al tempo, alla quarantena. E figurano tra gli altri il Teatro Akropolis, Greta Francolini, Giuseppe Muscarello, Opera Bianco.
La 16 esima edizione a India e Lido di Ostia Caccia a un nuovo pubblico

Autore dell'articolo: Monica Straniero