Lacci, il film di Daniele Lucchetti apre Venezia 77

La storia è ispirata al romanzo di Domenico Starnone, per il New York Times uno dei 100 migliori libri del 2017

Quando ho letto per la prima volta Lacci ho trovato domande che mi riguardavano e personaggi nei quali era difficile non identificarsi”. Daniele Lucchetti parla del suo film scelto per aprire la 77esima edizone della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, in programma dal 2 al 12 settembre.

Ispirato al libro di Domenico Starnone, per il New York Times uno dei 100 migliori libri del 2017, il film, è ambientato nella Napoli nei primi anni 80, vanta un cast d’eccezione: Alba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante, Silvio Orlando, Giovanna Mezzogiorno, Adriano Giannini e LInda Caridi.

Ecco la trama: Il matrimonio di Aldo e Vanda entra in crisi quando Aldo si innamora della giovane Lidia. Trent’anni dopo, Aldo e Vanda sono ancora sposati. Un giallo sui sentimenti, una storia di lealtà ed infedeltà, di rancore e vergogna. Un tradimento, il dolore, una scatola segreta, la casa devastata, un gatto, la voce degli innamorati e quella dei disamorati.

“Attraverso una storia familiare che dura trent’anni, due generazioni, legami che somigliano più al filo spinato che a lacci amorosi, si esce con una domanda: hai permesso alla tua vita di farsi governare dall’amore?”, si chiede Il regista che aggiunge: “Lacci è un film sulle forze segrete che ci legano”.

Per Lucchetti, “non è solo l’amore ad unire le persone, ma anche ciò che resta quando l’amore non c’è più. Si può stare assieme per rancore, nella vergogna, nel disonore, nel folle tentativo di tener fede alla parola data.Lacci racconta i danni che l’amore causa quando ci fa improvvisamente cambiare strada e quelli – peggiori – di quando smette di accompagnarci”.

Il rgista, infine, commenta così la sua partecipazione alla Mostra del Cinema di Venezia: “Negli ultimi tempi abbiamo avuto paura che il cinema potesse estinguersi. E invece durante la quarantena ci ha dato conforto, come una luce accesa in una caverna. Oggi abbiamo una consapevolezza in più: i film, le serie, i romanzi, sono indispensabili nelle nostre vite. Lunga vita ai festival, dunque, che permettono  di  celebrare  tutti assieme il senso vero del nostro lavoro. Se qualcuno ha pensato che fare cinema potesse rivelarsi inutile, ora sa che è un bene di tutti. Con Lacci sono onorato di aprire le danze del primo grande festival di un tempo imprevisto».

 

Autore dell'articolo: Monica Straniero