Giovanni Lindo Ferretti a Cerreto Alpi (c) Foto Ums

“Non invano” far pace con se stessi nel nuovo libro di Ferretti

All’invettiva contro la società contemporanea, contro lo “schermo regnante” e lo sradicamento, l’ex leader dei Cccp contrappone il radicarsi, il suo Appennino non idilliaco, ma anche un’accettazione del tempo trascorso e la fiducia in una consegna di testimone

Il poeta ascolta l’Italia al telefono

Nel tempo del virus, Franco Arminio ha aperto una linea telefonica con gli italiani e le italiane e tutte le mattine raccoglie storie e impressioni. La poesia come arma per contrastare la paura e per reagire.

Ha lanciato un appello al Governo per ricordare i morti che scompaiono, promuove un baratto libri-viveri e legge poesie nei corti “Nuovo Cinema Paralitico” con Davide Ferrario

“La luna e i calanchi“ ad Aliano per ritrovare l‘anima

Ventimila persone e 150 artisti ad Aliano alla Festa della Paesologia ideata e diretta da Franco Arminio. Per cinque giorni fino all’alba poesia, arte, musica, teatri e una diversa idea di convivenza.

Nel paese di esilio e sepoltura di Carlo Levi la passeggiata nei calanchi con performance, confronti, improvvisazioni, cori popolari con Ambrogio Sparagna e canzoni contro la paura con Brunori Sas.

Viaggio nell’Italia profonda con Arminio e Ferretti

“L’Italia profonda” è il libro a quattro mani di Giovanni Lindo Ferretti e Franco Arminio dedicato ai paesi dell’Italia appenninica, tra spopolamenti e terremoto.
Omaggio a un territorio che custodisce una forte identità e che sopravvive con dignità grazie a piccole comunità che resistono. L’ex Cccp: “Se c’è una fortuna, è nel nostro essere a lato. Se c’è salvezza, è nell’ombra”