Brian and Charles, una commedia surreale e tenera sull’amicizia tra uomo e robot

Una commedia di Jim Archer che racconta una una storia divertente e commovente sull'amicizia, la famiglia, la ricerca dell'amore e il lasciarsi andare.

Fin dal Frankenstein di Mary Shelley ci chiediamo cosa accadrebbe se una vita artificiale acquisisse una propria consapevolezza e guardasse oltre l’uomo. La risposta è spesso oscura e inquietante, che si risolve nelle crudeli manipolazioni di Blade Runner o nella sanguinosa vendetta di Ex Machina. Her presenta una visione meno violenta ma ancora malinconica delle IA quando considerano gli umani con benevola indifferenza.

La delicata commedia di 90 minuti Brian and Charles è diversa. Per gli sceneggiatori-interpreti David Earl e Chris Hayward e il regista Jim Archer, che adattano il loro cortometraggio omonimo del 2017 , questo dramma del creatore e della creazione si svolge con stravaganti deviazioni e una modesta crescita personale, e pone domande non meno importanti, ma molto più riconoscibile.

Brian (interpretato da Earl), un uomo solitario che vive nella desolata bellezza delle colline gallesi, ha inventato, quasi per caso, un compagno robot. Charles (Hayward) è alto sette piedi e comicamente poco elegante, con una lavatrice al posto del busto, sormontato da una testa di manichino con espressione interrogativa. Brian è felice della compagnia, soprattutto dopo che Charles ha imparato da solo l’inglese leggendo un dizionario durante la notte. Ma è anche istintivamente riservato sulla sua creazione e proibisce a Brian di uscire di casa o di incontrare altri umani. Alla fine, cede e permette  a Charles di aggirarsi in  giardino. “L’esterno si ferma all’albero?” chiede Charles, con la dizione incerta di una voce  automatizzata. Improvvisamente, uno stormo di uccelli irrompe in aria e vola via. Sorpreso e incomprensibile, Charles si gira e sfida Brian: “Gli uccelli possono fare quello che vogliono?” Brian non sa come rispondere.

Brian e Charles inizia come un mockumentary triste. Più avanti Archer sembra dimenticare l’impostazione del mockumentary, ma è un errore perdonabile, perché a quel punto i personaggi hanno preso possesso del film. Charles è il cuore e l’anima del film. L’economicità e la goffaggine del suo costume sono una buona fonte di slapstick goffo e umorismo visivo surreale.

Brian impiega più tempo per uscire dallo stereotipo del solitario strano e goffo.Non c’è niente di non convenzionale nel viaggio verso il rispetto di sé che Charles inevitabilmente ispira nel suo creatore. Brian e Charles seguono ritmi rassicuranti e familiari, che si tratti della vacillante storia d’amore di Brian con l’altrettanto timida Hazel ( Louise Brealey di Sherlock ) o della vicenda che coinvolge una famiglia locale di bulli. Archer adotta il tipo di stile stonato e low-fi che è comune nel cinema indipendente, ma è chiaro che segretamente gli piace interpretarlo come da manuale.

Il film arriva nelle sale il prossimo 31 agosto distribuito da Lucky Red e Universal Pictures International Italy.

Autore dell'articolo: Monica Straniero