Laura Luchetti torna alla regia con Nudes, serie sul Revenge Porn

La serie in dieci puntate racconta il fenomeno del revenge porn dal punto di vista di tre adolescenti

Nudes – adattamento italiano dell’omonimo teen drama norvegese – è una serie antologica che racconta quel momento preciso in cui si cambia nell’intimo, da un giorno all’altro e per sempre. E di quanto sia pericoloso oltrepassarla nel modo sbagliato.  

Prodotta da Riccardo Russo per Bim Produzione in collaborazione Rai Fiction, la serie in dieci puntate, in diretta streaming su RaiPlay dal 20 aprile, è diretta da Laura Luchetti, regista del premiatissimo Fiore Gemello.  Racconta le storie di tre teenager che si ritrovano a fare i conti con la divulgazione online di loro immagini private, svelando le insidie dei social media. C’è chi pubblica e chi viene pubblicato, vittime e carnefici. Vittorio, Sofia e Ada sono tre facce diverse della stessa medaglia.

Tre esistenze travolte dalla nudità finita online, La serie, “è piena di passioni, di quella purezza di fondo e perdita dell’innocenza», sottolinea Luchetti, ed affronta per la prima volta il tema del revenge porn attraverso il punto di vista dei giovani protagonisti con sguardo realistico e moderno, con l’obiettivo di narrare le conseguenze – spesso devastanti – di un gesto fatto con superficialità e senza consapevolezza, come può accadere in un’età acerba come l’adolescenza.

Vittorio (Nicolas Maupas) è bello, carismatico, con genitori in vista, vincente. Destinato naturalmente a essere un leader. E la vittoria di un bando indetto tra le scuole della città per la riqualificazione di uno spazio abbandonato, sembra confermarlo. La polizia lo interroga in merito ad un video che gira in rete, la ragazza che appare nelle immagini è minorenne, ci sono conseguenze legali. Il suo nome è Sofia di anni 16, una ragazza che ha sempre sentito il bisogno di mantenere il controllo, di seguire le regole, forse pensando che fosse l’unico modo per non farsi trascinare a fondo. L’arrampicata, una disciplina che da anni condivide con Emilia, è un’ulteriore conferma di questa sua predisposizione. Infine c’è Ada preferisce rendersi invisibile per non fare i conti con una serie di problemi. Quando comincia a scambiarsi foto con un ragazzo più grande tutto immagina, tranne che vadano a finire su un sito porno.

“Avendo a che fare con tre storie che parlano di un problema profondo e insidioso come il revenge porn, i cui protagonisti sono tre adolescenti, ho voluto cercare di stare il più “vicino possibile” ai ragazzi”. Racconto un’età meravigliosa in cui non si ha la capacità di comprendere le conseguenze delle proprie azioni”, ha raccontato Laura Luchetti. La storia è ambientata nella provincia dell’Emilia-Romagna, continua la regista. perchè il revenge porn non è un lame delle metropoli ma è una piega universale”. 

 

 

Autore dell'articolo: Elena Dal Forno

Elena è giornalista dal 1994. Si occupa di vita in generale, cinema, arte, tennis, cucina vegana. Quando non è al cinema è in viaggio. Spesso la cosa coincide.