L’amore cannibale nel film di Guadagnino a Venezia 79

Timothée Chalamet e Taylor Russell interpretano giovani amanti assassini nel film in concorso alla Mostra del cinema di Venezia.

Nel film Bones and All, (un adattamento del romanzo di Camille DeAngelis) in concorso a Venezia 79, Luca Guadagnino non si limita a mostrarci  denti famelici che lacerano carne umana.  Il road movie del regista di Chiamami con il tuo nome, segue una coppia di anime perdute che sembrano essere cannibali , è un film in cui i personaggi si comportano in modo molto simile ai vampiri. Si fondono con la società, ma sono davvero una razza separata, con la capacità di annusare la carne fresca (e l’un l’altro) e un desiderio consumante di “nutrirsi”.

Vediamo i personaggi che si squarciano i corpi, la carne si stacca in pezzi, il sangue schizza ovunque. Se suona un po’ grottesco, lo è. Il cannibalismo, in questo film, non ha nessun interesse al di fuori di se stesso. Non significa niente… per niente. I personaggi possono comportarsi come zombi affamati di carne per alcuni istanti, ma non sono zombi. Sono pensati per essere sexy, simpatici e riconoscibili.

Potrebbe sembrare che “Bones and All” sia una sorta di fantasy horror, ma quello che il pubblico scoprirà è che, nonostante tutta la sua ostentazione Guignol, il film non coinvolge. Inciampa e oscilla. Uno dei road movie più abbozzati, vuoti e tortuosi che si ricordi. Il film dura due ore e 10 minuti ed è un lungo viaggio sensuale attraverso gli Stati Uniti.

Taylor Russell, attrice espressivamente malinconica  che è stata una delle star di “Waves”, interpreta Maren, che ha 18 anni, e che incontriamo mentre vive ancora con suo padre (André Holland) in una roulotte. Esce di soppiatto per partecipare a un pigiama party, il cui evento principale è provare diversi colori di smalto per unghie. Sembra andare bene finché Maren non afferra il dito di una delle sue compagne di classe e inizia a masticarlo.

Quando torna a casa, suo padre ne ha abbastanza. Maren viene presto abbandonata, con un messaggio del  papà che spiega esattamente chi è e perché non può più stare in giro per proteggerla da se stesso. Maren incontra un altro cannibale, un eccentrico gotico di nome Sully, interpretato da Mark Rylance (nella versione più accattivante del film), che indossa un cappello con una piuma e una lunga coda di cavallo intrecciata e parla con un delicato accento del profondo sud. Sully dice a Maren che può annusarla; è così che sa che fa parte della tribù dei cannibali.

Maren è rannicchiata in un negozio di alimentari quando cattura l’attenzione di Lee (Timothée Chalamet), che si rivela essere un’anima cavalleresca, per non parlare del cannibale più alla moda nella storia della civiltà. Prima di questa settimana, Maren non aveva mai incontrato un altro cannibale; ora ne ha appena incontrati due (e altri a venire). Se questo suona un po’ improbabile, il risultato è che la sceneggiatura di “Bones and All,” di David Kajganich (che ha co-scritto “Suspiria” e “A Bigger Splash” di Gaudignino), non ha molta logica o coerenza. È uno scenario da prendere come si può che ha portato a una divagazione casuale di un film.

Non si vuole peccare di moralismo ma  con “Bones and All”, continuo o a chiedermi, qual è il punto?Il film non ha lo scopo di spaventarci. E poiché i personaggi stessi non percepiscono il loro cannibalismo come disgustoso (il titolo descrive il livello più alto del cannibalismo: mangiare di tutto, comprese le ossa), il fatto che noi del pubblico lo facciamo non ci invita davvero a identificarci con loro. Il problema con queste scene è che guardiamo dall’esterno.

Autore dell'articolo: Marco Michelli