Alla 8a edizione dele Giornate della Luce, la mostra fotografica “Memorie Exposte”

La mostra resterà aperta al pubblico fino al 26 giugno. L’evento nasce da una collaborazione tra il festival e il Craf - Centro di Ricerca e Archiviazione della Fotografia

Tra gli eventi di rilievo che caratterizzeranno questa 8a edizione de Le Giornate della Luce la mostra fotografica di Gianni Bozzacchi, dal titolo “Memorie Exposte” a cura di Alvise Rampini, che inaugurerà, alla presenza dello stesso Bozzacchi, il 4 giugno a Palazzo Tadea a Spilimbergo. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 26 giugno. L’evento nasce da una collaborazione tra il festival e il Craf – Centro di Ricerca e Archiviazione della Fotografia.
Un appuntamento importante e unico per il festival ideato da Gloria De Antoni e da lei diretto con Donato Guerra, che celebra da anni gli autori della fotografia, veri protagonisti della manifestazione, con proiezioni, masterclass, dibattiti, mostre e omaggi.
Per la prima volta in una mostra, Gianni Bozzacchi, uno dei più importanti fotografi degli anni Sessanta e Settanta, attraverso il suo stile inconfondibile non ha solo immortalato un’epoca, ma l’ha incarnata, trovando la mediazione tra il glamour e la verità dei sentimenti. “Memorie Exposte” è il racconto autobiografico di una vita straordinaria, fatta di azzardi e svolte imprevedibili, che inizia a Roma, tra le macerie e la povertà del dopoguerra e approda sui set di Hollywood, nelle dimore dei potenti e sulle pagine delle riviste patinate di tutto il mondo. Sopravvissuto giovanissimo a un terribile incidente automobilistico che spezzerà la sua carriera di pilota, decide di dedicarsi anima e corpo alla fotografia. Nel 1966 la svolta: inviato in Africa sul set de “I commedianti“, fotografa per la prima volta Elizabeth Taylor, cambiando una volta per tutte il proprio destino. Della Taylor sarà fotografo personale per oltre un decennio e amico per sempre. Sono gli anni della “Dolce Vita” e degli ultimi luminosi lampi del divismo hollywoodiano, e tra chi si affida alla macchina fotografica di Bozzacchi troviamo Brigitte Bardot e Steve McQueenGrace Kelly e la Famiglia Reale di Monaco, lo Scià di Persia e TitoPicasso e Coco ChanelAl PacinoClaudia Cardinale e molti altri. Attori, divi, dinastie reali che Bozzacchi ha ritratto esaltandone la bellezza e rivelando la loro fragilità umana. 80 fotografie di attori, dive, dinastie reali che consegnano al nostro immaginario la bellezza e il fascino d’altri tempi.

Le Giornate della Luce sono organizzate dall’Associazione Culturale Il Circolo di Spilimbergo e nel 2021 hanno avuto il sostegno di MiC, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Città di Spilimbergo, Fondazione Friuli, Friulovest Banca.

Autore dell'articolo: Monica Straniero