Vinòforum, oltre 37 mila i visitatori della manifestazione

Ha superato la soglia dei 37.000 ingressi registrati la 17^ edizione di “Vinòforum – Lo Spazio del Gusto”, rassegna dedicata al vino e all’enogastronomia e svolta dall’11 al 20 settembre a Roma, all’interno dei 13.000 mq del Parco Tor di Quinto. Nello spazio organizzato dei temporary restaurant si sono invece alternati più di 30 chef […]

Ha superato la soglia dei 37.000 ingressi registrati la 17^ edizione di “Vinòforum – Lo Spazio del Gusto”, rassegna dedicata al vino e all’enogastronomia e svolta dall’11 al 20 settembre a Roma, all’interno dei 13.000 mq del Parco Tor di Quinto.
Nello spazio organizzato dei temporary restaurant si sono invece alternati più di 30 chef della Capitale e del Lazio. 10 giorni della manifestazione, ci sono state oltre 600 cantine, per un totale di 2.500 etichette, e oltre 35 chef, nel consueto intreccio di mondo vino e alta cucina. Il tutto organizzato in percorsi tematici che gli avventori hanno potuto seguire per orientarsi all’interno della manifestazione

Sold out- spiega una nota- anche tutti gli incontri tematici programmati: dalle Top Tasting sul vino ai laboratori sull’olio extravergine d’oliva condotti da Unaprol ed Evoo School Italia fino ai mini corsi sul caffè.

Tra alta cucina e piatti della tradizione, la fotografia del panorama gastronomico è stato eterogeneo, così come nel comparto vino si sono affiancati grandi aziende a piccoli produttori.  Da Anthony Genovese e Yamamoto Eiji di Sushisen fino a Federico Delmonte di Acciuga (Roma); Ciro Scamardella da Pipero a Arcangelo Dandini che ha chiuso  la manifestazione.

L’edizione del 2021, come da abituale calendario, si svolgerà, segnalano gli organizzatori, nel mese di giugno. “Dato il momento storico – commenta Emiliano De Venuti, Ceo di Vinòforum – si tratta senza dubbio di un risultato andato oltre le nostre aspettative, per il quale non possiamo che essere enormemente soddisfatti. La città ha risposto bene, appassionati e addetti ai lavori hanno dimostrato di essere un pubblico maturo, accorrendo in maniera numerosa ma composta. Tutto si è svolto nel pieno rispetto delle normative vigenti. Ringraziamo per questo le realtà partecipanti e i nostri partner, che insieme a noi hanno creduto fin da subito nella possibilità di dar vita all’evento”.

Autore dell'articolo: Monica Straniero