Eataly Roma dedica una settimana della cucina peruviana

Nonostante l'estate torrida, non si ferma la voglia di Eataly di esplorare continenti e territori legati a tradizioni culinarie tutte da scoprire

Fino al 29 luglio si avrà l’occasione di scoprire e degustare i piatti di una delle cucine più apprezzate del Sud America. Si svolgerà la settimana dedicata al Perù e alla sua cucina, con piatti tipici realizzati dallo chef Adolfo Perret, con degustazioni di Pisco e prodotti locali da comprare al Mercato Peruviano. Quella peruviana è una cucina che si caratterizza per le influenze raccolte da Spagna, Africa, Francia, ma addirittura Cina, Giappone e naturalmente Italia. In questo modo si pone come una confluenza ideale di sperimentazione e pot-pourri per la trasformazione dei suoi straordinari prodotti della terra.

La biodiversità del Perù è talmente ricca che si contano oltre 4000 specie di patata, oltre 200o di peperoncino, e udite udite, è proprio dal Perù che arriva il pomodoro! Ne hanno solo 54 varietà differenti, che volete che sia! Senza parlare della frutta esotica come l’Avocado e il Mango che in quelle zone regnano assolutamente sovrani.

Oltre naturalmente ai cosiddetti superfoods come Quinoa, Chia, Amaranto, Maca, il Mais Viola, le Bacche Inca, la Lucuma, il Camu-Camu e naturalmente il re di tutti loro il Cacao.

La straordinaria varietà e ricchezza del suolo si completa anche con prodotti animali quali carni e pesci di – pare – strepitosa bontà. Il ceviche è uno dei piatti nazionali peruviani di cui gli chef si sono fatt carico di mantenere sia la tradizione che di rivistarlo in chiave moderna.  Naturalmente chi mi conosce sa che sono vegana, dunque privilegerò in questo articolo i prodotti legati al regno vegetale, ma gli onnivori convinti sappiano che da Eataly troveranno pane, ahem, animali, per i loro denti.

E’ una settimana ricchissima quella che Eataly propone ai turisti e ai romani che non sono ancora partiti. Soprattutto l’incontro gastronomico e culturale con un paese così affascinante, ricco e di valore anche archeologico strepitoso. Siamo in un articolo di cucina, lo so, ma come non ricordare che le linee di Nazca e il Macchu Picchu stanno in Perù? Questo paese sarà sicuramente la meta del mio prossimo viaggio, dopo aver visto i video, assaggiato la cucina e sentito parlare l’ambasciatore Luis Iberico Nunez non posso che prendere un biglietto ed andare!

Ma ecco come si sviluppa questo viaggio, seppur solo tra le pareti di vetro di Eataly.
Tutti i giorni e fino al 29 luglio:csa
11-19 – al piano terra si tiene il Mercato, dove il pubblico potrà degustare e acquistare i prodotti tipici.

9 – 24 – MercatoPeruviano, piano terra

17 – 21 – Degustazione di Pisco all’Enoteca (secondo piano)

Dalle 12 alle 15,30 a pranzo e dalle 19 alle 23 il ristorante Spazio Osteria Stagioni, accanto al mercato, propone il pranzo e la cena peruviana, con i manicaretti ideati per l’occasione dallo chef Alfonso Perret. Sono inclusi anche piatti vegetariani e vegani e uno straordinario dolce con la quinoa.

Da Giovedì a Sabato dalle 19 alle 21 all’Enoteca c’è l’Aperitivo Pisco Party, immancabile.

Le attività collaterali prevedono naturalmente delle Masterclass per veri appassionati.

Mercoledì dalle 18,30 alle 20 Masterclass sul peperoncino, con il sous chef Luis Alberto Rodriguez che parlerà di questo straordinario prodotto ed il suo valore nella cultura peruviana, miti e verità su un prodotto magico.

Giovedì alle 18,30 e fino alle 20 Masterclass sul Pisco, tesoro e patrimonio culturale prodotto da oltre 400 anni, un’acquavite dal gusto intenso e raffinato ottenuto dalla distillazione del mosto d’uva fermentato.

Venerdì sempre alle stesse ore showooking con Alfonso Perret, imperdibile momento per vedere all’opera uno chef di fama internazionale che presenterà passato, presente e futuro della cucina peruviana.

Questo “momento peruviano” nel mezzo di un’estate romana così calda è assolutamente da non mancare e non solo perchè l’aria condizionata da Eataly funziona bene, ma perchè avere la possibiità di avvicinare una cultura così affascinante e un paese così ricco non è cosa che capita frequentemente.

Autore dell'articolo: Elena Dal Forno

Elena è giornalista dal 1994. Si occupa di vita in generale, cinema, arte, tennis, cucina vegana. Quando non è al cinema è in viaggio. Spesso la cosa coincide.