A Roma il Settecolli con la Pellegrini e Paltrinieri

Per tutti gli amanti dello sport è impedibile lìappuntamento con il trofeo di nuoto, un must di inizio estate

Se avete lo sport nel sangue o se anche solo avete bimbi o ragazzi a cui far vedere uno spettacolo, una classica manifestazione di inizio estate imperdibile nella Capitale è il Settecolli di nuoto al Foro Italico.

E’ da sempre una delle gare di preparazione all’attività natatoria estiva che, quest’anno porta direttamente alle qualificazione per l’Olimpiade di Tokyo 2020. Una sorta di test molto importante per i tantissimi campioni presenti e che potrà far testare il senso dell’allenamento portato avanti fino a questo momento in ottica degli imminenti mondiali di nuoto di Gwangju, in Corea del Sud, in programma dal 21 al 28 luglio.

Le gare si svolgeranno da domani a domenica e il testimonial per eccellenza non poteva che essere Federica Pellegrini, la regina del nuoto azzurro. Proprio la campionessa olimpica ha partecipato alla presentazione del trofeo, giunto alla 56ma edizione, insieme a tutti gli atleti dell’Italia.

“E’ la manifestazione più bella a cui partecipo nel corso di tutto l’anno- ha dichiarato Gregorio Paltrinieri, medaglia d’oro alle olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 nei 1500 metri stile libero- siamo in casa, c’è il pubblico italiano e siamo all’aperto e le gare sono tutte da vedere. Ora sto meglio e sarà una prova importante in vista del mondiale, voglio fare bene nei 1500 anche perché ho vinto gli ultimi due”.

Nell’occasione, il presidente della Fin Paolo Barelli ha fatto gli onori di casa e annunciato la candidatura di Roma ad ospitare gli Europei del 2022. “Il Settecolli- ha dichiarato- è  diventata una manifestazione storica, aperta sempre a grandi campioni internazionali. Ci sono tutti gli ingredienti per assistere ad un meeting di alto profilo tecnico a pochi giorni dalla rassegna iridata in Asia”.

Anche la regina del mezzofondo europeo Simona Quadarella, tre medaglie d’oro a Glasgow 2018 nei 400, 800 e 1500 stile libero sogna gli Europei del 2022 nella ‘sua’ Roma. “Sarebbe fantastico poterci essere: questa è casa mia, sarebbe il massimo”.

L’elemento più suggestivo dell’edizione saranno le finali disputate alla luce del tramonto e che andranno in scena nei tre giorni dalle 19:00 alle 21:00, anticipate dal preshow con Massimiliano Rosolino e le celebrazioni a 10 anni dai campionati mondiali di Roma 2009 (che sarà possibile seguire anche in streaming sul sito della Federazione Italiana Nuoto).

Cinquecento gli atleti partecipanti, tra italiani e stranieri, in rappresentanza di 39 Paesi. Insieme agli azzurri, capitanati dagli olimpionici Gregorio Paltrinieri e Federica Pellegrini, sono attese tantissime star del movimento, come gli ori olimpici Katinka Hosszu e Florent Manaudou, al rientro alle gare dopo circa tre anni, Adam Peaty e Chad Le Clos, Femke Heemskerk e Pernille Blume. Presenti anche i campioni paralimpici, ai quali è riservata la gara regina della velocità, i 100 stile libero.

Insomma, le premesse ci sono tutte e lo spettacolo è garantito. Ne siamo talmente sicuri che accettiamo critiche dai delusi, semmai ce ne fossero.

Autore dell'articolo: Marco Michelli