Le follie dello sport ai tempi del Coronavirus

A quasi due mesi dal blocco di ogni attività sportiva, ecco le assurdità più clamorose dello sport

Sono passati due mesi da quando in Italia tutto si è fermato e, se ci spostiamo oltre oceano, un mrdr ad una diffusione del Covid19 che ha portato gli States ad essere il primo Paese per numero di persone colpite.

La realtà è drammatica e non può essere in nessun caso alleviata. Tuttavia, anche solo per una boccata di ossigeno e per distrarsi un po’ in queste lunghe giornate di quarantena, vi proponiamo una carrellata di paradossi che solamente il mondo sportivo poteva proporre, persino in tempi di pandemia.

Ovviamente non è esaustiva e si concentra in special modo su quello che è accaduto in Italia e Usa: per questo accettiamo ogni tipo di suggerimento per arricchire la lista…

#10 Roger Federer: il tennista svizzero, ormai ultraquarantenne, ha impostato l’intera preparazione annuale su “The Championship” di Wimbledon. Invece lo slam sull’erba non si farà e adesso dovrà aspettare il prossimo anno . Con un compleanno in più

#9 F1: in piena emergenza la Fia ha mandato comunque tutto il circus in Australia per dar vita al primo Gran Premio della stagione per poi decidere, al venerdi, di fermare e rimandare tutti a casa

#8 Fir, Federazione Italia Rugby: per, tenere uniti i propri sostenitori, ha deciso di riproporre online le più belle partite della nazionale azzurra. Peccato che, negli ultimi dieci anni l’Italia ha vinto forse 3 partite in totale (l’iniziativa è già terminata)

#7 Serie A di calcio: mentre in Uk si sono messi tutti d’accordo e in Germania hanno già stabilito quando ricominciare, nella massima serie italiana di calcio non c’è stata intesa nemmeno sui tagli agli stipendi. Ora poi che si pensa a finire la stagione (visto che altrimenti la crisi non permetterebbe a metà dei club di sopravvivere) il Brescia, guarda caso ultimo in classifica, ha fatto sapere che preferirebbe non ricominciare a giocare e congelare il campionato per un anno. Ovviamente nell’interesse degli atleti

#6 Tokyo 2020: i giapponesi non volevano arrendersi all’evidenza di dover spostare le Olimpiadi; perfino quando il vice presidente del Comitato olimpico giapponese è stato contagiato dal Coronavirus volevano manterle in calendario per questa estate

#5 Fipav, Federazione Italiana Pallavolo: Il giorno in cui la Federazione ha decretato lo stop a tutti i campionati maschili e femminili, di ogni ordine e grado, si sono dimessi sia il Presidente della Lega maschile che quello femminile. I due hanno detto di esserein totale disaccordo, dichiarando di aver proposto soluzioni alternative (tra cui la suggestiva idea di un wk per assegnare lo scudetto fatto in un unico palazzetto meglio se nello stadio del tennis a Roma che avrebbe garantito indotto e sponsor non da poco…) senza essere presi in considerazione. Quando si dice la coesione prima di tutto

# 4 Le Bron James, giocatore basket Los Angeles Lakers (NBA):  “Giocare partite senza i tifosi? Impossibile. Io non gioco”. Il fuoriclasse dei Los Angeles Lakers, LeBron James, si era espresso in questo modo in merito alla possibilità che la Nba decidesse di disputare le partite a porte chiuse. Il “Prescelto”, però ha poi il giorno dopo dovuto fare quello che si suole dire un piccolo “passo indietro” dicendo che “Se nessuno potesse venire alle partite, ne sarei deluso, ma se chi sta gestendo la situazione pensa che sia il meglio per la salute dei giocatori, la salute delle franchigie e la salute della Lega questa decisione, beh, tutti dobbiamo dar retta a loro”. Una sorta di coast to coast nel modo di pensare

#3 Dorotea Wierer (biathlon) e Federica Brignone (sci alpino): le due azzurre vincono rispettivamente la coppa generale di biathlon e di sci. E’ un evento unico e straordinario (se poi si aggiunge la coppa di Michela Moioli di snowboard è un tris difficilmente ripetibile). Se per la bolzanina – per la quale si tratta di un bis dopo la vittoria della scorsa stagione – aver chiuso in anticipo la stagione quando le avversarie stavano recuperando è stata una fortuna, per la Brignone la coppa si suggella dopo la cancellazione delle finali programmate e la rinuncia per oltre un mese di quella che era la leader di coppa, la mitica fuoriclasse Mikaela Shriffrin, che ha perduto il papà. Questo non cancella il loro fantastico successo, ma in qualche modo per loro la pandemia ha aiutato

#2 Rudy Gobert, giocatore basket Utah Jazz (NBA): Esattamente il giorno dopo aver scherzato sul Coronavirus con i giornalisti presenti nel dopo partita e, con spocchia assolutamente fuori luogo, decidendo di toccare con le mani tutti i microfoni dei media per scherzare sulla pandemia, è risultato essere il primo giocatore di basket NBA positivo al virus. Il suo primo caso in qualche modo ha portato la NBA a sospendere la stagione … Si può essere più nerd?

#1 Atletica leggera fino ad oggi eravamo segnalati come un movimento in caduta libera, uno sport “vecchio” e con poco appeal (L’Italia poi è tra le nazioni che hanno fatto meno progressi negli ultimi dieci anni). Eppure con tutti gli improvvisati corridori “usciti” alla ribalta delle cronache in queste giornate di Covid19 le prospettive del movimento non dovrebbero mancare…

Autore dell'articolo: Marco Michelli