Nicole Kidman, Octavia Spencer, Julia Ormond e Bruce Beresford al Taormina Film Festival

La sessantacinquesima edizione del Taormina FilmFest, che si svolgerà dal 30 giugno al 6 luglio 2019, è fiera di annunciare l'anteprima europea del film Spider-Man: Far From Home, che sarà proiettato al Teatro Antico la sera del 5 luglio

Taormina Film Fest avrà luogo nella cittadina siciliana dal 30 giugno al 6 luglio. L’obiettivo della 65esima edizione del kermesse siciliana è “avvicinare la città al festival e aiutare i giovani a sviluppare una coscienza critica e cinematografica”.
Il programma a cura dei direttori artistici Gianvito Casadonte e Silvia Bizio, comrpende 11 anteprime mondiali, 17 europee e 14 nazionali, film provenienti da 25 Paesi proiezioni gratuite non stop da mezzogiorno a sera inoltrata, molte delle quali si svolgeranno al Teatro Antico di Taormina.  Tra le tante proposte,  l’anteprima europea del film Spider-Man: Far From Home, che sarà proiettato al Teatro Antico la sera del 5 luglio. Il film, diretto da Jon Watts e interpretato da Tom Holland, Michael Keaton, Zendaya, Marisa Tomei, Jake Gyllenhaal, Cobie Smulders e Samuel L. Jackson uscirà in Italia il 10 luglio, distribuito da Sony Pictures Italia/Warner Bros. Pictures Italia e riprende il filo degli eventi diAvengers: Endgame. In vacanza in Europa con i suoi migliori amici e con il proposito di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane, Peter Parker dovrà aiutare Nick Fury a svelare il mistero degli attacchi di creature elementali che stanno creando scompiglio in tutto il Continente.

Il prestigioso premio Taormina Arte Award 2019 verrà conferito alle attrici Premio Oscar Nicole Kidman e Octavia Spencer (The Help), produttrice esecutiva della nuova serie tv della Apple Truth Be Told. Spetterà a Ladies in Black, il nuovo film del regista australiano Bruce Beresford (A spasso con Daisy), l’onore di inaugurare la storica rassegna. Beresford sarà presente insieme alla protagonista Julia Ormond e agli altri attori del film.

Spazio al documentario tra cui Sea of Shadows, prodotto dalla factory di Leonardo DiCaprio e racconta i pericoli corsi dagli attivisti guidati dall’italiano Andrea Crosta, che parteciperà a Taormina ad una tavola rotonda sul tema. Un’altra tavola rotonda sarà dedicata  alle donne registe e produttrici sulla questione della parità di compensi nel mondo del cinema.

Tra le anteprime più attese il documentario La fattoria dei nostri sogni di John Chester, il film racconta l’incredibile storia vera di John e Molly Chester, coppia in fuga dalla città per realizzare il sogno di una vita, quello di costruire dal nulla un’enorme fattoria seguendo i criteri della coltivazione biologica e di una completa sostenibilità ambientale. Tra mille difficoltà, momenti esaltanti e cocenti delusioni, i due protagonisti impareranno a comprendere i ritmi più profondi della natura, fino a riuscire nella loro formidabile impresa.

Altra proiezione speciale, la prima italiana diYesterday, nuovo film di Danny Boyle, incentrato sui Beatles, con Himesh Patel e Lily James e l’attesissimo Amazing Grace, con Aretha Franklin da giovane. Quarantanove anni dopo “Non si uccidono così anche i cavalli?” – vincitore del “primo” Cariddi d’Oro nel 1970, quando Gian Luigi Rondi introdusse la sezione competitiva – Amazing Graceè un docufilm postumo girato da Sidney Pollack e testimonia il successo dell’album più venduto di una giovane Aretha Franklin che, insieme al Southern California Community Choir e al reverendo James Cleveland, nel 1972 saliva sul pulpito di una chiesa battista per tenere un concerto di due giorni, aperto al pubblico. Il film, però, non fu mai terminato a causa di un imperdonabile errore tecnico che non permise a Pollack di sincronizzare il suono. Incredibile, ma vero: mancava il ciak sul set!

Fra i film italiani spicca invece Aspromonte di Mimmo Calopresti, con Valeria Bruni Tedeschi, Marcello Fonte e Francesco Colella, che saranno presenti a Taormina con il regista. Interpretato anche da Valeria Bruni Tedeschi e Marco Leonardi, con la partecipazione di Sergio Rubini, il film, che sarà distributo in settembre da IIF, è ambientato ad Africo, alla fine degli anni Cinquanta, dove una donna muore di parto perché il dottore non riesce ad arrivare in tempo e non esiste una strada di collegamento.

Autore dell'articolo: Monica Straniero