Immaginaria Film Festival, fino al 14 Aprile a Roma il meglio del cinema di genere

Al cinema Aquila va in scena la XIV edizione del festival dedicato alle donne lesbiche o diversamente ribelli. Un programma denso e ricco di appuntamenti da non perdere

Con il passaggio di testimone o meglio di mazzo di fiori tra le due cantautrici Diana Tejera e Grazia di Michele, madrina presente e passata, si è aperta ieri la XIV edizione dell’Immaginaria Film Festival, dedicato alle donne lesbiche o diversamente ribelli del pianeta. Una rassegna ricchissima di appuntamenti e soprattutto di film destinati a far discutere e sognare, soprattutto perchè come ha detto la Tejera “Siamo ancora qui, nel 2019, a nasconderci. Ci sono ancora donne cantautrici per esempio che cantano al maschile – io invece sono qui con la mia fidanzata”. E, ha aggiunto una in formissima Di Michele “facevo queste battaglie già 30-40 anni fa e non mi pare che sia cambiato granchè”.

C’è bisogno quindi, non solo di uscire allo scoperto, ma di riaprire dibattito, discussioni sul tema e soprattutto di arrivare all’accettazione che amare non ha nè sesso, nè leggi, nè religioni, nè barriere (purchè tra adulti consenzienti, sia ben chiaro) ed è quello che in questi giorni al cinema Aquila si tenterà di fare attraverso non solo lungometraggi e corti (ben 29 i titoli disponibili), ma anche attraverso la radio, le vignette e le tavole rotonde. Media partner del festival è infatti Radio RID 968 FM, una collaborazione fortemente voluta da Michelle Marie Castiello che interverrà sabato alle 21 a raccontare come nasca questo tipo di intervento.

Le vignette in mostra sono quelle di Frad, che oggi alle 17 apre ufficialmente nel Foyer dell’Aquila la sua raccolta di umorismo nero “Non facciamone un lesbodramma”. Giovanissima, nata nel 1987, Frad appartiene alla scuola Comics di Roma e le sue vignette politicamente scorrette  sono pubblicate anche sulla sua pagina Facebook.

Gran bella discussione nascerà  invece oggi alle 16 con Anna Segre, psicoterapeuta e scrittrice che con Simonetta De Fazi, Chiara Melloni e Valeria Muccifora presentano “Anna Segre, 100 punti di lesbicità – 100 punti di ebraicità”, edito da Elliot Edizioni.

Da non perdere inoltre il film dedicato a Emily Dickinson che restituisce un’altra immagine della grande poetessa americana , stasera alle 21 e  quello dedicato alla cantautrice e poetessa Chavela Vargas.

Infine ricordiamo che il festival è dedicato alla memoria di Barbara Hammer, grande pioniera del cinema lesbico scomparsa il 16 marzo. Per celebrarla vengono proiettati “Dykes Camera Action!” di Caroline Berler che traccia il profilo di Barbara e di altre donne registe e il suo ultimo documentario “Welcome to this house” sulla vita del premio pulitzer Elizabeth Bishop.

 

IL PROGRAMMA DETTAGLIATO QUI

Calendario 2019

 

Autore dell'articolo: Elena Dal Forno

Elena è giornalista dal 1994. Si occupa di vita in generale, cinema, arte, tennis, cucina vegana. Quando non è al cinema è in viaggio. Spesso la cosa coincide.