Ecco i vincitori del Premio Solinas 2018

Il Premio Solinas 2018 alla migliore sceneggiatura premia ex-aequo "Tempo, dubbi e farfalle" e "Tutti i cani muoiono soli"

Si è svolta a Roma al Teatro India nell’ambito dei Fabrique du Cinéma Award 2018 la manifestazione di premiazione del Premio Franco Solinas 2018 dedicato alla Migliore Sceneggiatura.  I premi sono stati consegnati dalla Giuria e da Francesco Solinas Presidente Onorario.
Gli Autori dei 7 progetti finalisti, che hanno superato la seconda fase del concorso – Di Sabbia di Claudia De Angelis; Elio e Il Diluvio di Francesca Marino e Tommaso Renzoni; La Piazza degli Schiavi di Luca Di Molfetta e Paolo Piccirillo; Ma’ di Pier Lorenzo Pisano; Maria Porta Scompiglio di Oscar De Summa; Tempo, Dubbi e Farfalle di Lucia Giovenali e Maria Teresa Venditti; Tutti i Cani Muoiono Soli di Paolo Pisanu e Gianni Tetti – hanno incontrato i Giurati della prima fase e sviluppato la prima stesura della sceneggiatura. Le sceneggiature sono state valutate dalla Seconda Giuria composta da: Francesco Bruni, Linda Ferri, Filippo Gravino Gloria Malatesta che, dopo un’appassionata discussione, ha deciso di assegnare ex-aequo il Premio Franco Solinas Migliore Sceneggiatura di 9.000 euro a:

Tempo, Dubbi e Farfalle” di Maria Teresa Venditti e Lucia Giovenali e “Tutti i Cani Muoiono Soli” di Gianni Tetti e Paolo Pisanu con la seguente motivazione: “Un ex-aequo a due copioni che parlano di diversità e marginalizzazione con dei personaggi scolpiti e dialoghi d’intensa vividezza ma che ancora hanno bisogno di un lavoro che aiuti le storie a trovare un’ulteriore e più precisa traiettoria.”
la Borsa di Studio Claudia Sbarigia di 1.000 eurodedicata a premiare il talento nel raccontare i personaggi e l’universo femminile, va a  “Tempo, Dubbi e Farfalle” di Maria Teresa Venditti e Lucia Giovenali con la seguente motivazione: “Una ragazzina che vorrebbe essere altro, incontra un giovane uomo che altro ha deciso di esserlo, indossando i panni di una donna. Ma se quel giovane uomo resterà avvoltolato come una crisalide nel suo bozzolo, la ragazzina romperà l’involucro e diventerà farfalla. Un premio dunque al personaggio di Benedetta, la ragazzina che percorre la Tiburtina e questo romanzo di formazione e ad Amanda, giovane e bellissima donna, dentro il corpo di un uomo.”
La dotazione dei Premi della prima e della seconda fase del concorso è messa a disposizione dalla Società Italiana degli Autori ed Editori.
Per Annamaria Granatello – direttrice del Premio Solinas  “Il 2018 è stato un anno molto laborioso ma ricco di successi. Siamo tornati a La Maddalena grazie al sostegno della  Regione Sardegna e Fondazione Sardegna Film Commission con tutti i concorsi del Premio Solinas arricchiti dai Lab Alta Formazione e sviluppo. Ringrazio tutte le Istituzioni che hanno contribuito al Premio Solinas 2018, i partner  e tutti i Giurati che con dedizione, passione, serietà lavorano per il Futuro del Cinema Italiano. Un ringraziamento speciale a Fabrique du Cinema per la bellissima collaborazione, la forza del nostro comune lavoro“.
Molto soddisfatto Antonello Grimaldi, Presidente della Fondazione Sardegna Film Commission: “Riportare il Premio Solinas in Sardegna è stato un impegno che avevamo assunto pubblicamente, dall’avvio delle attività della Sardegna Film Commission nel 2012. Siamo doppiamente fieri oggi di questo risultato perchè grazie al concerto di tante istituzioni e alla determinazione degli organizzatori, non solo ci prepariamo ad una splendida edizione per il 2019 a La Maddalena, ma celebriamo con una delle sceneggiature vincitrici tutto lo straordinario patrimonio di storie che la Sardegna deve ancora raccontare. Ad maiora!”

Autore dell'articolo: Monica Straniero