Un film sul giovane Karl Marx

Tutta la ricerca intellettuale di Karl Marx ha avuto come obiettivo la soddisfazione del programma che si era fissato a venticinque anni: intentare una « critica radicale di tutto l'ordine esistente»

Un personaggio affascinante e controverso, in un film che ne illumina il pensiero, l’ardore, la passione politica. IL GIOVANE KARL MARX del regista Raoul Peck, candidato all’Oscar® e Premio BAFTA per I Am Not Your Negro, arriva in sala dal 5 aprile, nell’anno del 200° anniversario dalla nascita e nel 170° anniversario della pubblicazione del Manifesto.

“Uno spettro s’aggira per l’Europa – lo spettro del comunismo. Tutte le potenze della vecchia Europa si sono alleate in una santa battuta di caccia contro questo spettro: papa e zar, Metternich e Guizot, radicali francesi e poliziotti tedeschi”. E’ questo l’implicit di uno dei testi più celebri (e più citati) degli ultimi due secoli. Siamo negli anni Quaranta del XIX Secolo. Il giovane Karl Marx e l’amico Friedrich Engels sanno di trovarsi ad uno snodo fondamentale della storia, tale per cui le forze che si oppongono al mondo borghese devono essere capaci di emancipare, anche oltre i confini europei, i lavoratori oppressi di tutto il mondo. Sono anni di fermento: in Germania viene fortemente repressa un’opposizione intellettuale molto attiva, in Francia gli operai del Faubourg Saint-Antoine si sono messi in marcia. Anche in Inghilterra il popolo è sceso in strada.

Marx a soli 26 anni ha un obiettivo: intentare una « critica radicale di tutto l’ordine esistente». Porta la sua donna sulla strada dell’esilio e a Parigi incontra Friedrich Engels, figlio di un grande industriale, che ha studiato le condizioni di lavoro del proletariato inglese. Questi due giovani dalla diversa estrazione sociale, ma entrambi brillanti, appassionati, provocatori e divertenti riusciranno a creare un movimento rivoluzionario unitario.

A dare il volto a Marx è August Diehl, già in film hollywoodiani come Bastardi senza gloriaSalt, e altri film di rilievo come Il falsario – Operazione Bernhard (Oscar Miglior Film Straniero 2008), Treno di notte per Lisbona. Friedrich Engels è interpretato da Stefan Konarske, mentre i panni di Jenny Marx sono vestiti da Vicky Krieps, portata al successo dal recente Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson, dove ha interpretato la musa del couturier inglese interpretato da Daniel Day Lewis.

Il film sarà presentato venerdì 13 aprile alle 20:30 al cinema Farnese di Roma in presenza di Susanna Camusso Segretario generale CGIL  e Vincenzo Vita Presidente Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico

Autore dell'articolo: Monica Straniero